The Latest

Ciao, mi piaci!
Te lo dico subito che così non pensi che lo scrivo per altre cose.
Mi piaci dacce ti ho visto, non prima che non ti conoscevo e non lo so se mi piacevi, però dacchè mi piaci io penso che ti amo anche. Lo so, perchè sei bella e hai le lentiggini. E poi anch’io non sono tanto brutto ma un po’ anche bello. Se ti piaccio anch’io poi ci sposiamo… non oggi che ho il nuoto.
Io ti prometto che quando torno a casa ti porto tutti i fiori del mondo. Ti compro un fioraio e te lo porto, perchè tu mi piaci!
Ti porterò a cena fuori, ma non in un posto brutto, al più bello dei belli!
Per te mi farò sempre bello, così che neanche li guardi gli altri, ma solo a me.
Se vuoi, quando ci vediamo ti do i baci se ti piacciono, io li schifo, ma se ti piacciono te ne darò tantissimi, come quelli dei film.
Perchè tu, mi piaci.
Mar 13, 2014 / 2 note
Mar 13, 2014

solosabbia ha chiesto: Pubblichi delle belle cose, sono contento di aver trovato il tuo blog. Carlo

Grazie mille :)
Gentilissimo

Quando poniamo molta fiducia o aspettative in una persona, il rischio di una delusione è grande.
Le persone non esistono in questo mondo per soddisfare le nostre aspettative così come noi non siamo qui per soddisfare le loro.
Dobbiamo bastare …dobbiamo bastare a noi stessi sempre, e quando vogliamo stare con qualcuno dobbiamo essere coscienti che stiamo insieme perchè ci piace, lo vogliamo e stiamo bene, giammai perchè abbiamo bisogno di qualcuno.
Una persona non ha bisogno dell’altra, esse si completano… non per essere due metà, ma per essere un intero, disposte a condividere obiettivi comuni, gioia e vita.
Nel corso del tempo, ti rendi conto che per essere felice con un’altra persona, è necessario, in primo luogo, che tu non abbia bisogno di questa persona.
Comprendi anche che la persona che ami (o pensi di amare) e che non vuole condividere niente con te, sicuramente, non è l’uomo o la donna della tua vita.
Impari a volerti bene, a prenderti cura di te stesso, e principalmente a voler bene a chi ti vuole bene.
Il segreto non è prendersi cura delle farfalle, ma prendersi cura del giardino, affinché le farfalle vengano da te.
Alla fine troverai non chi stavi cercando, ma chi stava cercando te.
Le farfalle - Mario Quintana
Ott 14, 2013 / 8 note

Sono un pessimo romantico, lo ammetto. E’ per questo che non sono riuscito a farti innamorare. Lo so che è così.
Ho immaginato che potessi bastare io, con i miei modi normali e l’aria spavalda. Fintamente sicura. E del tempo, per spiegarti quello che manca, per farti vedere che ne sarebbe valsa la pena, alla fine.
Ho provato, che dire, a farmi scegliere. Ho sperato. Dovevo. Era una possibilità, capisci? Come fare a metterla via, a dimenticarla. Forse aspettando, forse non era il momento. Forse io e te abbiamo un altro tempo. Sono sicuro che con qualche giorno in più, ora in più, ti avrei portato via con me. E’ l’idea che almeno una volta succeda, no? Hai presente? Quell’idea invasiva e sotterranea che si inabissa o si palesa e lo fa una volta sola per tutte e se l’avverti non puoi far finta di niente se hai un po’ di senno.
Come un sibilo fluttuante e sinuoso.
A me è successo questo: non sono riuscito a fare finta di niente, non volevo, in fondo.
Non potevo far altro che cercare di portarti con me, dal profondo, per egoismo quasi, per farmi stare bene. Anche se sapevo di non potere. Anche se era rischioso. Anche se tu non vuoi, anche se, infine, la tua felicità non dipende da me.
E non posso fare a meno di chiedertelo di nuovo. Solo per essere sicuro.
Verresti?”

Italo Calvino

Set 1, 2013 / 29 note
…mi rubò il cuore, il respiro e il sonno.Le sue mani impressero sulla mia pelle il marchio di una maledizione che mi avrebbe perseguitato per anni…}
Ago 8, 2013 / 5 note

…mi rubò il cuore, il respiro e il sonno.Le sue mani impressero sulla mia pelle il marchio di una maledizione che mi avrebbe perseguitato per anni…}

Mi sono ricordato che nelle prime lettere ripetevi in continuazione quanto era strano che uno sguardo distratto avesse provocato in me una simile bufera. Poi, a poco a poco hai cominciato a spiegare a te stessa che, in fondo, comincia sempre così, dallo sguardo di uno sconosciuto… }
-David Grossman 
Ago 8, 2013 / 6 note
A volte mi chiedo cosa stiamo aspettando…
Alessandro Baricco
Ago 7, 2013 / 8 note
Lug 6, 2013 / 22 note
Ho provato, che dire, a farmi scegliere. Ho sperato.Dovevo.
Era una possibilità, capisci?
Come fare a metterla via, a dimenticarla. Forse aspettando, forse non era il momento. Forse io e te abbiamo un altro tempo. Sono sicuro che con qualche giorno in più, ora in più, ti avrei portato via con me.
È l’idea che almeno una volta succeda, no? Hai presente? Quell’idea invasiva e sotterranea che si inabissa o si palesa e lo fa una volta sola per tutte e se l’avverti non puoi far finta di niente se hai un po’ di senno.
Come un sibilo fluttuante e sinuoso.
A me è successo questo: non sono riuscito a fare finta di niente, non volevo, in fondo. Non potevo far altro che cercare di portarti con me, dal profondo, per egoismo quasi, per farmi stare bene. Anche se sapevo di non potere. Anche se era rischioso. Anche se tu non vuoi, anche se, infine, la tua felicità non dipende da me.
E non posso fare a meno di chiedertelo di nuovo. Solo per essere sicuro.
Verresti?
~ Italo Calvino
Giu 23, 2013 / 148 note
{…avremo un sacco di primi incontri come quello e ogni volta ci scopriremo in modo nuovo.
Perché rinunciare a qualcosa?
Perché rinunciare a tutto?
Voglio tutto con te, perché solo con te posso volere tutto. Perché, forse, solo attraverso questo prodigo “tutto” ci verrà svelata, a poco a poco, l’essenza particolare che può crearsi tra te e me, ma mai tra altre due persone.
David Grossman - Che tu sia per me il coltello
Maggio 31, 2013 / 12 note