The Latest

Lug 3, 2014

Rotaie, catrame…
Vorrei poter stare con lei,ok?
AMEN.

Manchi .
Giu 16, 2014 / 1 nota

Manchi .

Maggio 16, 2014 / 4 note

"Niente, era per dirti che gli amori che sembrano assurdi certe volte sono i migliori.", scrive la Mazzantini. E forse ha ragione.

Era per dirti che se fosse stato per me sarebbe andato tutto diversamente. Era per dirti che si, eravamo sbagliati, ma nella vita sono le cose più sbagliate ad essere giuste. A fare le cose giuste non ne vien fuori niente di buono.
Era per dirti che se solo fossi rimasto, forse ne sarebbe valsa la pena. Per dirti che io con te sono sempre stata la persona che avrei sempre voluto essere. Che forse avrei preferito una fine diversa, la felciità. Non me, qui da sola, e te, lì con un altra.
Era per dirti che avrei voluto svelarti ogni mio difetto, perchè so che avresti amato anche quello. Per dirti che mi sarebbe piaciuto fare l’amore con te in una città straniera. Che volevo averti accanto, a togliermi la nutella dagli angoli della bocca quando mangio uno di quei cornetti ernormi e strapieni, chè lo sai che mangio ancora come una bambina. Che ti avrei portato in una di quelle grandi biblioteche, che ti avrei rincorso tra gli scaffali e mostrato tutti i libri che avrei voluto leggere, fino a quando, per il troppo casino, non ci avrebbero cacciati fuori.
Era per dirti che prenderti per mano e fare il giro del mondo o averti affianco e guardarti negli occhi, non importava. Stare insieme e guardarci negli occhi era un po’ come fare il giro del mondo. Che ti volevo portare a fare shopping con me, forse ti saresti annoiato, ma non credo. Entrare in un camerino, provarmi qualche vestito e poi prenderti per mano e tirarti dentro e baciarti con il gusto del ‘proibito’.
Era per dirti che mi sarebbe piaciuto se avessi lasciato una traccia sul muro di casa mia, quello dove ci son scritte tutte le frasi più belle o più importanti. Che avrei preparato un dolce con te, anche se poi non son così brava, correndo il rischio di buttarlo perchè immangiabile, solo per lanciarti addosso la farina, rincorrendoti per casa.
Che avrei voluto che scegliessi casa mia come tua seconda casa. Che mi prendessi in giro per sempre per il mio modo di ridere o di parlare.
Era per dirti che non mi sarebbe dispiaciuto vederti ogni giorno sotto casa mia e che non mi sarebbe nemmeno dispiaciuto andare allo stadio. Quante cose che faremo, solo non insieme.
Era per dirti che mi sarebbe piaciuto esserci tutte le volte in cui le altre son state brave a mancare. Per dirti che vorrei mi ricordassi diversa da tutte. Era per dirti che ci spero, e guarda che la speranza e il dubbio, insieme al non amore, uccidono più di tutto.
Era per dirti che se non ci fosse stato un addio da rispettare, forse avrei fatto qualcosa. Che il pensiero di non aver fatto niente, certe volte, mi annienta. Che non so nemmeno perchè io non abbia fatto niente.
Era per dirti che vorrei mi ricordassi per quello che ti ho dato, per le emozioni che ti ho fatto vivere, per i miei sorrisi, per aver creduto in te quando forse nessuno ci credeva, forse neanche tu. Vorrei mi ricordassi per quella che ha avuto il coraggio di accettare le tue decisioni senza intromettersi.
Niente era par dirti che mi puoi trovare ovunque, persino nei tuoi pensieri, o nei ricordi, se proprio avrai bisogno di me.
Era per dirti che se ti vien voglia di vivermi mi trovi proprio dietro l’angolo, che aspetto te.

hanamiblack:

La cosa peggiore che mi hanno insegnato è stata sperare.

Palahniuk 

…
Maggio 15, 2014 / 9 note

hanamiblack:

La cosa peggiore che mi hanno insegnato è stata sperare.

Palahniuk 

Cara Karen, se stai leggendo questa lettera vuol dire che ho trovato il coraggio di spedirtela.
Quindi, buon per me. Non mi conosci molto bene, ma se me ne dessi l’occasione inizierei a parlare per ore e ore di quanto sia difficile per me scrivere. Ma questa.. Questa è la cosa più difficile che io abbia mai dovuto scrivere. Non c’è un modo facile per dirlo, quindi lo dirò e basta.
Ho incontrato una persona. E’ stato un caso. Non la stavo cercando, non ero a caccia. E’ stata la tempesta perfetta.
Lei ha detto una cosa, io un’altra. E all’improvviso volevo passare il resto della mia vita facendo quella conversazione. Ora ho questo sensazione nello stomaco. Potrebbe essere lei quella giusta. E’ completamente pazza, in un modo che mi fa sorridere. E’ estremamente nevrotica. C’è molto da sopportare.
Quella persona sei tu, Karen. Ecco la buona notizia. La brutta è che non so come fare per stare con te. E questo mi spaventa a morte. Perchè se in questo momento non sono con te, ho la sensazione che non staremo mai più insieme.
Il mondo è enorme, cattivo, pieno di svolte e cambiamenti. E le persone a volte si distraggono e perdono l’attimo.. L’attimo che avrebbe potuto cambiare tutto.
Non so cosa succederà tra di noi, e non so spiegarti perchè dovresti perdere tempo con uno come me.. Ma cazzo, profumi di buono.. Di casa.
E poi fai un ottimo caffè. Quello conterà pur qualcosa, no?

Chiamami.
Infedelmente tuo, Hank Moody.
Apr 27, 2014 / 2 note

Cara Karen, se stai leggendo questa lettera vuol dire che ho trovato il coraggio di spedirtela.
Quindi, buon per me. Non mi conosci molto bene, ma se me ne dessi l’occasione inizierei a parlare per ore e ore di quanto sia difficile per me scrivere. Ma questa.. Questa è la cosa più difficile che io abbia mai dovuto scrivere. Non c’è un modo facile per dirlo, quindi lo dirò e basta.
Ho incontrato una persona. E’ stato un caso. Non la stavo cercando, non ero a caccia. E’ stata la tempesta perfetta.
Lei ha detto una cosa, io un’altra. E all’improvviso volevo passare il resto della mia vita facendo quella conversazione. Ora ho questo sensazione nello stomaco. Potrebbe essere lei quella giusta. E’ completamente pazza, in un modo che mi fa sorridere. E’ estremamente nevrotica. C’è molto da sopportare.
Quella persona sei tu, Karen. Ecco la buona notizia. La brutta è che non so come fare per stare con te. E questo mi spaventa a morte. Perchè se in questo momento non sono con te, ho la sensazione che non staremo mai più insieme.
Il mondo è enorme, cattivo, pieno di svolte e cambiamenti. E le persone a volte si distraggono e perdono l’attimo.. L’attimo che avrebbe potuto cambiare tutto.
Non so cosa succederà tra di noi, e non so spiegarti perchè dovresti perdere tempo con uno come me.. Ma cazzo, profumi di buono.. Di casa.
E poi fai un ottimo caffè. Quello conterà pur qualcosa, no?

Chiamami.
Infedelmente tuo, Hank Moody.

Apr 22, 2014 / 1 nota

E non avere qualcuno vicino non t’impedisce di averlo dentro. 
E se ce l’hai davvero dentro non riuscirai a lasciarlo lontano.

Ciao, mi piaci!
Te lo dico subito che così non pensi che lo scrivo per altre cose.
Mi piaci dacce ti ho visto, non prima che non ti conoscevo e non lo so se mi piacevi, però dacchè mi piaci io penso che ti amo anche. Lo so, perchè sei bella e hai le lentiggini. E poi anch’io non sono tanto brutto ma un po’ anche bello. Se ti piaccio anch’io poi ci sposiamo… non oggi che ho il nuoto.
Io ti prometto che quando torno a casa ti porto tutti i fiori del mondo. Ti compro un fioraio e te lo porto, perchè tu mi piaci!
Ti porterò a cena fuori, ma non in un posto brutto, al più bello dei belli!
Per te mi farò sempre bello, così che neanche li guardi gli altri, ma solo a me.
Se vuoi, quando ci vediamo ti do i baci se ti piacciono, io li schifo, ma se ti piacciono te ne darò tantissimi, come quelli dei film.
Perchè tu, mi piaci.
Mar 13, 2014 / 2 note
Mar 13, 2014

solosabbia ha detto:: Pubblichi delle belle cose, sono contento di aver trovato il tuo blog. Carlo

Grazie mille :)
Gentilissimo

Quando poniamo molta fiducia o aspettative in una persona, il rischio di una delusione è grande.
Le persone non esistono in questo mondo per soddisfare le nostre aspettative così come noi non siamo qui per soddisfare le loro.
Dobbiamo bastare …dobbiamo bastare a noi stessi sempre, e quando vogliamo stare con qualcuno dobbiamo essere coscienti che stiamo insieme perchè ci piace, lo vogliamo e stiamo bene, giammai perchè abbiamo bisogno di qualcuno.
Una persona non ha bisogno dell’altra, esse si completano… non per essere due metà, ma per essere un intero, disposte a condividere obiettivi comuni, gioia e vita.
Nel corso del tempo, ti rendi conto che per essere felice con un’altra persona, è necessario, in primo luogo, che tu non abbia bisogno di questa persona.
Comprendi anche che la persona che ami (o pensi di amare) e che non vuole condividere niente con te, sicuramente, non è l’uomo o la donna della tua vita.
Impari a volerti bene, a prenderti cura di te stesso, e principalmente a voler bene a chi ti vuole bene.
Il segreto non è prendersi cura delle farfalle, ma prendersi cura del giardino, affinché le farfalle vengano da te.
Alla fine troverai non chi stavi cercando, ma chi stava cercando te.
Le farfalle - Mario Quintana
Ott 14, 2013 / 9 note

Sono un pessimo romantico, lo ammetto. E’ per questo che non sono riuscito a farti innamorare. Lo so che è così.
Ho immaginato che potessi bastare io, con i miei modi normali e l’aria spavalda. Fintamente sicura. E del tempo, per spiegarti quello che manca, per farti vedere che ne sarebbe valsa la pena, alla fine.
Ho provato, che dire, a farmi scegliere. Ho sperato. Dovevo. Era una possibilità, capisci? Come fare a metterla via, a dimenticarla. Forse aspettando, forse non era il momento. Forse io e te abbiamo un altro tempo. Sono sicuro che con qualche giorno in più, ora in più, ti avrei portato via con me. E’ l’idea che almeno una volta succeda, no? Hai presente? Quell’idea invasiva e sotterranea che si inabissa o si palesa e lo fa una volta sola per tutte e se l’avverti non puoi far finta di niente se hai un po’ di senno.
Come un sibilo fluttuante e sinuoso.
A me è successo questo: non sono riuscito a fare finta di niente, non volevo, in fondo.
Non potevo far altro che cercare di portarti con me, dal profondo, per egoismo quasi, per farmi stare bene. Anche se sapevo di non potere. Anche se era rischioso. Anche se tu non vuoi, anche se, infine, la tua felicità non dipende da me.
E non posso fare a meno di chiedertelo di nuovo. Solo per essere sicuro.
Verresti?”

Italo Calvino

Set 1, 2013 / 91 note